L'architettura contemporanea non regge il confronto con la storia